lunedì 10 dicembre 2012

Intervista a Claudio Gallo (Bad Panda Records)





Bad Panda Records è una etichetta do it yourself, la sua particolarità è il rilascio di singoli o eps ogni lunedi in download gratuito sotto licenze Creative Commons. In questi anni di forti cambiamenti nel mondo della distribuzione musicale è riuscita a stimolare molto le persone riuscendo con successo a far ascoltare, scaricare, condividere musica on-line. Bad Panda è una delle migliori netlabel a rappresentare l'Italia, con le sue uscite provenienti da ogni angolo del mondo. Dopo la release n°168 abbiamo pensato che fosse arrivato il momento d'intervistare Claudio Gallo, il fondatore dell'etichetta.


Da diversi anni le tue releases sono un appuntamento fisso settimanale. Come mai rilasci musica proprio di lunedi?

Perché il lunedì non si dimentica mai così facilmente...

Invece qual è il momento della settimana che dedichi alla preparazione di tutto il materiale da diffondere?

Dipende, a volte il giorno prima, a volte al momento.

Sei il solo a portare avanti tutta la baracca? Quanta fatica ti costa?

Ci sono degli amici che hanno aiutato (ad es. mia cugina spedisce pacchi dagli USA per le americhe, un mio amico ha aiutato a fare lo stencil, un altro mi aiutava ad ascoltare tutte le email di submission, altri supportavano un pò a diffondere l'idea, etc). Tutto il resto è responsabilità mia. Fatica non direi, è un divertimento e una passione.

Per alcuni degli artisti che sono usciti per Bad Panda ti sei occupato anche del booking?

Per un periodo, in maniera abbastanza amatoriale, ovviamente è preferibile che ci sia un'agenzia di booking a supporto.

Il problema degli artisti che escono per le netlabels è proprio quello di non riuscire a procurarsi serate dal vivo, come ti trovi davanti a questo problema?
… ad esempio mi ha colpito molto vedere i Civil Civic dal vivo in Italia. Prima dell'uscita per Bad Panda erano dei perfetti sconosciuti. Ho potuto constatare grazie all'Indie Rocket Festival 2011 che sono una bomba dal vivo.


Credo che tutto dipenda dal seguito che una band ha. Ci sono casi di band senza neanche un album stampato, solo con mixtape, remix o mashup in free download e con moltissime date in diversi paesi.

Alcuni giorni fa ho scoperto Detour di Songkick proprio grazie a te. Uno degli artisti che sta sfruttando maggiormente questo sistema di crowdfunding per i concerti è Andrew Bird, solo che lui è un artista già affermato, come la vedi per gli artisti meno conosciuti?

Penso che Detour potrebbe essere davvero rivoluzionario nel mondo dei concerti. Per ora hanno testato il terreno con Andrew Bird, Hot Chip, Tycho e hanno appena lanciato una beta per Londra dove le persone votano gli artisti che vorrebbero vedere e ognuno ha la possibilità di andare a suonare a Londra se dimostra di avere abbastanza seguito. Fare di questa beta un modello di business è una sfida visionaria.

Quante e-mail ricevi da parte di artisti che ti chiedono di uscire per la tua label?

Circa 400 al mese, sto cercando di non fallire alla promessa di ascoltare ogni singola email ma ho già fallito nell'intento di rispondere a tutti :(

Quant'è importante la presenza di BadPanda sui Social Network: Facebook e Twitter in particolare? Secondo te le netlabels più conosciute se non fossero raggiungibili dai Social Network avrebbero lo stesso successo?

Non punterei il focus sui social network ma piuttosto sull'essere raggiungibile tramite dei canali adatti ed in linea con il progetto. Potrebbe essere il proprio sito internet, una newsletter o un negozio di dischi.

Invece quale piattaforma preferisci tra SoundCloud e Bandcamp? Quale delle due è più remunerativa, riguardo le uscite che hai fatto a pagamento?

La risposta è: tutte e due. Soundcloud è un gigante per la condivisione, la promozione e l'ascolto ed è destinata a crescere sempre di più. Bandcamp è un ottimo strumento di selling diretto per bypassare itunes e che si sta attrezzando ad essere più un tool di discovery. Vicino a Bandcamp ci metterei official.fm che ha appena iniziato a competere con Bandcamp offrendo condizioni ancora più vantaggiose.

Che rapporto hai invece con YouTube?

Credo sia importante avere i brani in streaming lì, anche se spesso qualche fan mi risparmia il lavoro dell'upload.

Quanto è importante per te che un gruppo nel momento dell'uscita di un album abbia un videoclip ben prodotto, in rotazione nei blog e webzine?

Onestamente penso sia molto importante a livello artistico veicolare i suoni attraverso la forma visiva, credo che uno sia il completamento dell'altro. A livello promozionale, uno stream di soundcloud o uno stream di youtube con un artwork sono praticamente equivalenti.   

Il web è uno strumento che è riuscito ad abbattere molte barriere tra le varie nazioni nel mondo. Anche se i casi di censura di Cina, Iran, Siria, Vietnam fanno ancora molto discutere, a tal proposito, cosa ne pensi della situazione italiana e dell'uso che se ne fa della rete? 

Penso che i vecchi media hanno un grande interesse a banalizzare l'utilità, l'importanza e le potenzialità della rete. Nel nostro paese ci stanno riuscendo benissimo. 

Ci parli dell'ultima uscita su Bad Panda Records?
  
Holobody sono Luke Loseth (aka felix green) e Charlotte Luseth (sea oleena). Vengono dal Canada e sono molto bravi.

Tu che sei in contatto con moltissimi artisti esteri, che opinione hanno nei nostri riguardi?
In particolar modo mi piacerebbe sapere se ci considerano indietro tecnologicamente rispetto a loro...

Pensano che la storia ci appartiene. Il futuro invece è altrove, purtroppo.


Dov'è collocato esattamente il futuro?

Domanda difficile, visti i problemi della nostra era. Potrebbe essere su un altro mondo, come tristemente canta Antony.
Non vedo come possa guardare al futuro un paese dove la raccomandazione, la corruzione, l'inciviltà, il conformismo, l'ipocrisia, il pressapochismo, una bassa attenzione alla cultura e all'arte regnano sovrane.

Se ti chiedessi di usare un solo aggettivo per descrivere la SIAE quale useresti?

Divertente.

Ultima domanda, quella di rito. Qual è il disco che ti ha stordito di più ultimamente?


La reissue di The Disintegration Loops di William Basinski



0 commenti:

Posta un commento

 
©2011 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ